Il museo dimenticato di Andy Warhol, disperso tra le montagne slovacche

Il museo dimenticato di Andy Warhol, disperso tra le montagne slovacche

Incuneato tra Slovacchia, Polonia e Ucraina, il Museo di Andy Warhol è da stanare. Non ci si passa per caso. Bisogna volerlo.

la Factory di New York
la Factory di New York

1962-1968. New York. Manhattan. 47^ strada. The Factory: un incubatore schizofrenico di arte, feste, anfetamine. Riuscite a immaginarlo? Qui prendevano forma le nuove avanguardie americane. Qui si distruggevano i vecchi retaggi conformisti e si gridava all’emancipazione sociale. E in cima a questa Torre di Babele, colui che si tingeva i capelli di grigio per non essere più costretto ad invecchiare e che sosteneva che la “cosa più bella di Firenze è il McDonald’s”. Andy Warhol nasce a Pittsburgh, nel 1928, e muore a New York, nel 1987, in seguito a complicazioni sorte durante un’operazione chirurgica alla cistifellea.

I suoi genitori erano immigrati provenienti da un piccolo e sconosciuto paesino della Slovacchia nord-orientale rinchiuso tra Polonia e l’Ucraina: Medzilaborce. Oggi è un luogo luogo dimenticato, sonnacchioso, muto e lento, avvolto da boschi, foreste e da quell’atmosfera post-sovietica che resiste nelle tante scritte in cirillico che ovunque si incontrano. Essendo un villaggio posto al di fuori dalle principali rotte di passaggio, per raggiungerlo bisogna volerlo. E l’unica ragione che può condurre un visitatore fin qui è il Museo di Andy Warhol, un cubo psichedelico che aggredisce la vista dopo chilometri di sfacciato realismo.

Medzilaborce
Medzilaborce

Un crogiolo di opere sconosciute

ingresso al Museo Andy Warhol
ingresso al Museo Andy Warhol

L’illuminazione fioca dell’entrata ricorda l’accoglienza di una scuola di regime, mentre la cancellata in ferro che conduce all’interno del Museo, quella di un carcere minorile. Ciò nonostante, i soffitti sono tappezzati di accecanti cromatismi e gli scalini fiorati. Il contenuto delle sale, invece, fa davvero invidia ai grandi colossi museali del mondo.

la sala principale
la sala principale

La quantità di capolavori appesi ai muri è incalcolabile. E raramente la si vede esposta altrove. Ma se l’ampiezza delle sale abbonda, i visitatori (peccato per loro) scarseggiano. Allora spazio a Bob Kennedy, Ingrid Bergman, Sigmund Freud, Franz Kafka, Albert Einstein e alla Regina Elisabetta. E a lui. Poteva forse mancare, visto il contesto? Solitario, severo e illuminato debolmente: Lenin. Il profilo abbozzato, una mano al libretto e lo sguardo fiero. Come mi disse il custode: “Lo vedi? Il tempo scorre, la storia insegna e le persone cambiano. Ma le idee non muoiono mai”.

Lenin
Lenin

Google Maps

Museo Andy Warhol
https://goo.gl/maps/abmQKegjwfF2

Please follow and like me!
error

One Reply to “Il museo dimenticato di Andy Warhol, disperso tra le montagne slovacche”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *